1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
logo mipaf
Contenuto della pagina

Strategie di marketing per l’azienda agrituristica

Linee guida per la vendita diretta di prodotti

Aprile 2016

 

Queste sintetiche linee guida vogliono dare un aiuto alle aziende agrituristiche, ad affrontare la domanda di prodotti che l’agriturismo può trovarsi a vendere ai propri ospiti, ma non solo. Non intendono essere un manuale completo, ma uno strumento concreto e applicativo. Si riallacciano alle linee guida di marketing nel settore dell’agriturismo che Ismea ha pubblicato nel 2015.
La domanda di agriturismo relativa all’acquisto di prodotti (nello spaccio ma anche tramite altre forme di vendita) è una componente che può svolgere una funzione importante di completamento (e anche di traino) rispetto al soggiorno e alla ristorazione.
I prodotti in vendita nello spaccio possono avere il ruolo di ottimi veicoli di comunicazione, la confezione può veicolare il marchio e i valori dell’agriturismo, contribuendo a una strategia di differenziazione dalla concorrenza.
Un prodotto presente nella dispensa e sulla tavola del consumatore può ricordare un’esperienza positiva ed emotivamente coinvolgente, da ripetere appena possibile. L’intento dovrebbe essere quello di calare di nuovo il consumatore nel luogo turistico, evocando immagini e sensazioni piacevoli.
Magari, sviluppando anche una crescente attenzione alle dinamiche del territorio e un sentimento di appartenenza. Lo studio di Agrilife 2015 (Azienda Romana Mercati, Università La Sapienza e Università Mercatorum) ha dimostrato che oltre il 30% degli agrituristi attribuisce particolare importanza alla possibilità di consumare o acquistare prodotti locali, e un altro 30% vede nella conservazione del paesaggio e della ruralità un aspetto di scelta determinante. Una base fondamentale di queste linee guida è data dgli spunti emersi da uno studio specifico che Ismea ha realizzato sull’argomento, prendendo in considerazione le attese riguardo alla tipologia di prodotti, all’ampiezza della gamma, alle etichette e al packaging in genere, ai marchi, ai rapporti con i concetti di km zero, di bio, di tipico, alle ambientazioni del locale, alle modalità di erogazione del servizio, ecc.
Il compito principale del marketing è infatti quello di cercare i modi per soddisfare al meglio le esigenze e i bisogni del mercato. Come in tutti i settori, il marketing si fonda sulle analisi, sulle idee, anche sulle intuizioni, ma non deve essere improvvisato.

 
 
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Google-Plus
  4. Linkedin
  5. Pinterest